EXHIBITION: Marco Gallotta | Hybrid Theory

Marco Gallotta è l’artista salernitano che dal 1990 vive a New York per il quale Tempi Moderni ha voluto organizzare la sua prima personale a Salerno, “Hybrid Theory”. Dopo aver messo la sua arte al servizio d’importanti brand come Vogue, Apple, Chanel e Nike Gallotta torna in città per esporre le opere che stanno segnando la sua carriera.

Gallotta è l’artista italiano che ha realizzato anche il ritratto di Will Smith. La location scelta per questo che si preannuncia come l’evento dedicato alle “sovrapposizioni e stratificazioni di linguaggi e segni” – come scritto da Gianpaolo Cacciottolo, curatore della mostra – è il normanno Palazzo Fruscione, vicino all’antica via dei Canali della Salerno romana. Un ulteriore riferimento metaforico a quel gioco d’intrecci che dal 6 ottobre (il vernissage è alle ore 19) si susseguiranno fino al 28 ottobre 2017.

La mostra, in gran parte dei giorni, diventerà l’ideale contenitore artistico per la presentazione di libri, talk sul rapporto tra economia ed arte, lezioni universitarie a porte aperte, cinema d’essai e concerti. A popolare le stanze dello storico palazzo salernitano ci saranno anche gli studenti del liceo classico “Torquato Tasso” di Salerno, del liceo artistico “Sabatini Menna” di Salerno e dell’Istituto Genovesi – Liceo Da Vinci per i quali sono stati ideati degli incontri a tema. Il filo rosso tematico, scelto dal direttore scientifico di Tempi Moderni Alfonso Amendola, sarà sempre quello dell’”ibridazione”.

Circa 60 sono le opere che costituiscono il percorso espositivo organizzato secondo ben precisi micro nuclei tematici.

Ai primi lavori di Marco Gallotta si affiancheranno le ultime produzioni, molte delle quali inedite ed appositamente concepite per “Hybrid Theory”. Sulle pareti di Palazzo Fruscione si potranno ammirare i ritratti di personaggi famosi (Barack Obama, David Bowie, Freddie Mercury, Leonardo Di Caprio, Frida Kahlo e altri, insieme alla nuovissima serie disegnata per Chanel già famosa in tutto il mondo), la serie dedicata al tema della bellezza e i “paper-cut on photograph”.

La sezione riservata ai nuovi lavori di Gallotta, invece, è tutta incentrata sulla sua ricerca sull’ibridazione, “allineandosi allo spirito del tempo attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie disegnative che contribuiscono a definire una nuova dimensione estetica e dilatano ancor di più il carattere esplorativo dell’indagine sull’immagine portata avanti negli anni dall’artista”, come rimarcato nel concept della mostra stessa.

“Fruizione piena dell’opera in quanto tale” è il punto da cui si è partiti nel definire anche le linee guida del percorso da proporre. Ad accogliere i visitatori ci sarà un ingresso ridisegnato in funzione della mostra con tanto d’interazione visiva tra lo spettatore, l’opera e l’artista. E così Tempi Moderni ha affidato all’architetto designer salernitano, Fabrizio Demma per Bevilacqua Interni, l’ideazione e la realizzazione dell’allestimento di Palazzo Fruscione. L’esposizione si dispiega su due piani del palazzo, il secondo e il terzo, e propone una teoria per immagini sull’ibridazione di linguaggi (intaglio, disegno, pittura, fotografia, collage) provando a collegarsi al discorso contemporaneo sulle contaminazioni culturali. Seguendo questo linea è stata pensata una sala espositiva satellite, “Layers”, con i lavori realizzati da creativi campani che spaziano dal design alla moda, passando per la fotografia. Il taglio che caratterizza le opere è legato ad un progettazione che è al tempo stesso sperimentale ed artigianale.

L’evento è organizzato dall’Associazione Culturale Tempi Moderni, presieduta da Marco Russo, con il sostegno del Comune di Salerno, della Camera di Commercio di Salerno, della Confesercenti Salerno ed il patrocinio dell’Università degli Studi di Salerno e della Fondazione Alario per Elea – Velia Onlus.

EXIHIBITION

Marco Gallotta | Hybrid Theory

Dal 06 ottobre al 28 ottobre 2017

Palazzo Fruscione, Vicolo Adelberga, 19, Salerno

→ Vernissage: sabato 6 ottobre, alle ore 19:00
djset Toto Valitutti
Gli incontri sono tutti ad ingresso libero