180 gr: il passato ritorna e si fa futuro, il Mercato suona. Intervista ad Enzino Iannece

La musica esce dai club per rivivere tra la gente nelle ore diurne nel luogo della genuinità per eccellenza:  il mercato rionale.

Nell’era del digitale, Enzino Iannece aka N-Zino, storico “pure” dj salernitano, rivaluta la tradizione della musica e sceglie una location fatta di gente che si muove,  “quella che vive di giorno” il cuore della città, per offrire 180 gr di pura innovazione.

Un progetto volto alla diffusione della cultura vinilica e della musica fatta con attrezzature analogiche, alla riqualificazione del commercio a KM0 ed alla valorizzazione dei talenti che hanno voglia di innovare. Questo il “core” di un progetto itinerante  rivolto a tutti i cultori della musica e non.

Lo scorso 25 settembre, la crew di 180 gr è andata in scena per la prima volta al mercato rionale di Piazza San Francesco, storico mercato salernitano, e a far ballare la gente del mattino c’erano dj N-Zino,  il dj funky salernitano Tonico 70, Giovanni D’amico, i dj partenopei Genny G e Pako S.  Risultato? un’atmosfera magica, colori, profumi, sorrisi e buona musica.

18002

Una consolle  montata su cassette di legno, allestita tra la frutta di stagione sui banchi del mercato rionale. Un set autentico e semplice in cui suono e genuinità s’incontrano e si contaminano a vicenda, dove artisti campani riproducono musica rigorosamente impressa su vinile tutto a km 0

180 gr è un invito ad artisti, dj, produttori ad innovarsi seguendo un nuovo sound.

Performance  documentate con foto e video e diffuse sulle piattaforme web e social network  brandizzati 180 gr, disponibili per lo sharing da parte dei membri della community.

Abbiamo incontrato ed intervistato Enzino Iannece, che ci ha raccontato qualcosa in più sul progetto.

 

180gr

180gr

Intervista  

Enzino Iannece, “pure” dj che da anni crea il sound giusto nei club salernitani,  diventa promotore di una “nuova” scena culturale musicale.

Cos’è cambiato nella tua vita ? a che punto sei arrivato ?

Forse è cambiato tutto o forse nulla, non saprei. Può darsi si tratti della naturale trasformazione, lenta e perpetua di un artista un po’ irrequieto come me che, dopo anni di lavoro, cerca e trova ancora una volta nuovi stimoli in un contesto completamente diverso da quello dei club.

Come nasce il progetto e perché il nome 180 gr?

Il progetto nasce dalla voglia di dare una sterzata. In questo momento storico sentivo la necessità di ritrovare la voglia di cercare nuova musica e dischi da collezione per una selezione da proporre non solo ai frequentatori dei club e basta, ma anche che servisse a trasferire il concetto che ciò che è nuovo non è per forza “più bello” e soprattutto che chi resta fedele alle origini è un artista che ha un valore aggiunto, proprio come un artigiano. Quale contesto migliore di un mercato rionale per trasferire questi concetti?

Il nome racchiude i due temi principali: “vinile” e “mercato rionale”. 180gr infatti è il peso del miglior vinile disponibile in commercio ma anche l’unità di misura utilizzata nella vendita a peso, classica del mercato.

 Come descriveresti il progetto in tre aggettivi?

Diverso, Azzardato, Stupefacente

Salerno, musica nei mercati rionali ? progetto un po ambizioso, non trovi?

Molto ambizioso, anche se tutto è cominciato esclusivamente per gioco. Ci siamo accorti che l’idea è virale. Non abbiamo ancora pubblicato nulla o quasi e mi sono ritrovato la mail intasata di richieste d’informazione da parte di amici, curiosi, giornalisti e addetti ai lavori. Per tanto abbiamo spostato l’asticella degli obiettivi molto più in alto.

 Facciamo un primo resoconto. Com’è andata la performance del 25 settembre al mercato rionale di  piazza San Francesco?

Bomba! Il mio obiettivo è quello di raccogliere consensi dalla rete ma devo dire che anche sul posto, i clienti e gli operatori si sono divertiti tantissimo. Ho cercato di lasciare il più possibile lo scenario fedele a quello di una normale mattinata al mercatino per cui siamo stati molto riservati nel realizzare le registrazioni. Ciò nonostante si sono accalcati numerosi amici e curiosi. Anche in rete è partito immediatamente il tamtam.

 

180 gr

180 gr

Qual’è stato il momento più complicato dal punto di vista organizzativo?

Onestamente nessuno. Tutto è filato liscio grazie alla disponibilità dei venditori. Colgo anche l’occasione per ringraziare AccesSalerno, associazione di cui sono socio che ha reso possibile tutto ciò senza nessun intoppo.

 Per chi ha voglia di condividere il progetto o farne parte quali sono i canali di contatto ?

Per qualsiasi info e adesione al momento potete far capo al mio profilo facebook. Tra qualche giorno saranno online i canali ufficiali 180gr: piattaforma web, pagine e gruppo facebook, canale instagram e youtube.

Per finire: ci annunci il prossimo evento?

Stò pensando al mercato coperto della zona orientale di Salerno. Si tratta di un mercato coperto, molto suggestivo. Ci sarà da divertirsi anche lì. Poi vedremo, gli orizzonti sono molto lontani.

@ urbanzine con la collaborazione di Paola De Crescenzo